Centro Commerciale Torresina: arrivano i Supermercati Doc*

Supermercati Doc* Roma

Supermercati Doc* Roma

Al Centro Commerciale Torresina è in arrivo la catena di SupermercatiDoc*“. Ma di cosa si tratta? Si tratta di un nuovo marchio creato ad hoc (in termini tecnici si dice ‘newco’) da un colosso del settore che ha comprato a Roma ben 12 supermercati e due Ipermercati: uno al Torrino, il secondo è la GS di Torresina!

A cederli è stato il Gruppo Luciani, a comprarli è stata l’UniCoop Firenze che in questo modo ha deciso di sbarcare a Roma in grande stile dopo l’ok dell’ Autorità Garante (finora erano presente la Coop-Tirreno); al termine del periodo di transizione (al massimo una paio d’anni ma c’è chi scommette su pochi mesi), il marchio ‘Doc*’ sarà sostituito dal marchio Coop; nel frattempo gli articoli a marchio Coop saranno acquistabili nella capitale anche sugli scaffali dei supermercati Doc*.

I negozi interessati dovrebbero saranno i seguenti:

– Ipermercato Roma Torresina, con superficie di vendita di circa 2.588 m2;
– Ipermercato Roma Torrino, con una superficie di circa 2.499 m2;
– Roma Barrili, con superficie di vendita di circa 926 m2;
– Roma Cervialto, con superficie di vendita di circa 600 m2;
– Roma Cortina d’Ampezzo, con superficie di vendita di circa 600 m2;
– Roma Due Ponti, con superficie di vendita di circa 596 m2;
– Roma Fonteiana, con superficie di vendita di circa 977 m2;
– Roma M. Riposo, con superficie di vendita di circa 750 m2;
– Roma Parioli, con superficie di vendita di circa 800 m2;
– Roma Tevere, con superficie di vendita di circa 590 m2;
– Roma Nizza, con superficie di vendita di circa 250 m2;
– Roma Aurelia, con superficie di vendita di circa 1.271 m2;
– Ostia, con superficie di vendita di circa 600 m2;
– Marino, con superficie di vendita pari a circa 1.400 m2.

A Torresina il cambio CarrefourDoc* dovrebbe avvenire entro l’estate, ma altri supermercati Gs-Diperdì hanno già cambiato marchio:

CORTINA- Via Cortina d’Ampezzo 369/371

RIPOSO- via della Madonna del Riposo 127

AURELIA- via Aurelia 1291 (Massimina)

PARIOLI- Viale Parioli, 16

TEVERE- via tevere 17,D

CERVIALTO- via Monte cervialto 129/131

FONTEIANA- via Fonteiana 28/A

DUE PONTI- via dei Due Ponti 192/F

BARRILI- via Anton Giulio Barrili 20

MARINO- piazza Don Luigi Sturzo 17 (Marino)

OSTIA- Via del Collettore Primario 7 (Ostia Antica)

Nonostante la crisi o forse proprio per questa, la sfida nella grande distribuzione prosegue senza esclusione di colpi…  Arrivano a Roma Coop ed Esselunga (2-3 Superstore); dalle nostre parti apriranno Lidl (Aurelia-Massimina, in costruzione), Eurospin (via Andersen, fine anno) e Coop (a Torresina attraverso il marchio Doc*, entro l’estate).

A perdere, come al solito, saranno le botteghe di quartiere, in attesa di una politica che le tuteli; a vincere, speriamo che siano i consumatori!

Dal Corriere della Sera 9 giugno 2010  , pagina 35,Sussurri & Grida – Unicoop “espatria” a Roma di M.Ger:

L’ operazione e’ di quelle che passano inosservate. Perche’ e’ abbastanza normale che un gruppo leader nella grande distribuzione compri qualche supermarket. Per l’ ultima mossa di Unicoop Firenze, la societa’ guidata da Turiddu Campaini e’ uno shopping di un certo livello. Ma soprattutto segna ‘l’ espatrio’ della piu’ grande cooperativa di consumatori d’ Italia, per soci (oltre 1 milione), vendite (2,2 miliardi di euro) e dipendenti (7644). Espatrio perche’ per la prima volta Unicoop esce dai dai confini della toscana, dove gestisce 6 Ipercoop, 41 Super (marchio Coop), 39 piccoli Super e 12 negozi tradizionali. Nella Capitale ha comprato infatti un “pacchetto” di 14 esercizi commerciali del gruppo Luciani riuniti per l’ occasione in una newco. In tutto vale 114 milioni di fatturato. Per adesso Unicoop Firenze non li gestira’ direttamente, ma lo fara’ la newco, con insegna diversa da Coop. Oggi le insegne sono Gs e DiperDi. I supermercati (piu’ un Iper, hanno metrature tra i 2500 e i 400 metri quadrati e tutti sono concentrati in citta’ a Roma nella prima periferia (Parioli, Nizza, Aurelia, Cortina D’ ampezzo, ecc.), tranne uno a Ostia e un altro a Marino. L’ accordo con la famiglia Luciani prevede anche un patto di non concorrenza in base al quale gli ex proprietari non potranno gestire attivita’ simili nel lazio per due anni.