L’Italia unita compie 150 anni: auguri da Torresina

Compleanno bagnato compleanno fortunato!

Clicca sull'immagine per accedere al Foto Album

Inno nazionale  Leggi Testo    Ascolta l’Inno   Stampa l’Inno

Un cielo coperto ed una timida pioggia hanno accompagnato il 150°compleanno dell’Italia unita. Stamattina il nostro quartiere si è svegliato con le bandiere tricolore per le strade, omaggio di Torresina ed il suo comitato alla nostra Patria. Altre bandiere sono spuntate su finestre e balconi.

Anche alla scuola Andersen sventola un nuovo Tricolore, omaggio del comitato Torresina alla sua scuola di riferimento. Tanti Auguri Italia anche dallo staff di Torresina.net. (Nelle prossime ore pubblicheremo alcune foto)

Ricordiamo che il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, anche su richiesta dell’Assemblea Capitolina votata all’unanimità, invita tutti i cittadini a esporre la bandiera Tricolore dai balconi e dalle finestre delle loro case giovedì 17 marzo, Festa Nazionale decretata dal Governo per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Un segnale molto importante parte così da Roma che, come Capitale d’Italia, rappresenta l’intero Paese.

Riportiamo gli auguri istituzionali, a partire dalla Municipio XIX, il Comune di Roma, la Provincia, la Regione Lazio , il Governo e concludiamo riportando il discorso integrale del Presidente del Repubblica, Giorgio Napolitano.

“Festeggiamo in tanti, insieme. Uniti sapremo vincere tutte le difficoltà”

“L’importante è che anche se ognuno ha i suoi problemi, i suoi interessi e le sue idee, e discutiamo e battagliamo, ognuno ricordi sempre che è parte di qualcosa di più grande che è la nostra nazione, la nostra patria, la nostra Italia. E se saremo uniti sapremo vincere tutte le difficoltà che ci attendono”.

E’ quanto ha affermato il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel saluto agli italiani nella Notte Tricolore dalla Piazza del Quirinale. “La prima cosa importante – ha detto il Presidente – è che l’Unità la festeggiamo in tanti, e nemmeno solo nelle piazze d’Italia: la festeggiamo nei tanti paesi pieni di italiani che ci sono nel mondo, e la festeggiano gli italiani in divisa in Afghanistan, nel Kosovo e nel Libano”.

“Voglio veramente inviare – ha aggiunto – l’augurio più affettuoso a tutte le italiane e gli italiani di ogni età, di ogni condizione sociale e di ogni idea politica che festeggiano insieme questo nostro grande compleanno”.

Per il Capo dello Stato “festeggiamo il meglio della nostra storia. Abbiamo avuto momenti brutti, abbiamo commesso errori, abbiamo vissuto pagine drammatiche, ma abbiamo fatto tante cose grandi e importanti. Grazie all’unità siamo diventati un paese moderno”. “Se fossimo rimasti – ha sottolineato il Presidente Napolitano – come nel 1860, divisi in otto Stati, senza libertà e sotto il dominio straniero, saremmo stati spazzati via dalla storia, non saremmo mai diventati un grande paese europeo. Eravamo già in ritardo allora di fronte alla Spagna, alla Francia, all’Inghilterra, che erano già dei grandi Stati nazionali, e stava per diventarlo la Germania”.

“Eravamo in ritardo, – ha aggiunto il Capo dello Stato – ma per fortuna non abbiamo atteso ulteriormente perché ci sono state schiere di nostri patrioti che hanno combattuto, hanno dato la vita e hanno scritto pagine eroiche che noi dobbiamo avere l’orgoglio di ricordare e rivendicare, perché solo così possiamo anche guardare con fiducia al futuro, alle prove che ci attendono. Ne abbiamo passate tante, passeremo anche quelle che abbiamo di fronte in un mondo forse più difficile”.

Nella mattinata del 16 marzo, il Capo dello Stato aveva visitato, al Complesso del Vittoriano, accompagnato dal Ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta e dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, la Mostra “Alle radici dell’identità nazionale”, promossa da Roma Capitale e curata da Marcello Veneziani. Nell’occasione è stato presentato al Capo dello Stato dal Presidente di Poste Italiane, Giovanni Ialongo, il francobollo celebrativo del 150esimo anniversario della proclamazione del Regno d’Italia.