Carta del Parco Agricolo di Casal del Marmo

Parco Agricolo Casal del Marmo

CARTA DEL PARCO AGRICOLO CASAL DEL MARMO

Prefazione

Nell’area metropolitana di Roma sono presenti molte aree verdi da tutelare e da valorizzare. La loro qualità ambientale caratterizza felicemente gli spazi urbani che nel tempo sono stati realizzati.

Il parco Casal del Marmo si trova nella parte nord del 19° Municipio, circondato dai quartieri Ottavia – Palmarola a nord ovest, Monte Mario a est, Torrevecchia a sud est, Torresina -Quartaccio a sud e perimetrato dalla via Trionfale a nord est, da via Casal del Marmo a nord ovest e da via di Torrevecchia nel lato sud est.

Il Nuovo Piano Regolatore Generale per la città di Roma, approvato dal Consiglio comunale il 12 febbraio 2008 ha classificato l’area come Parco Agricolo Urbano.

Nell’area esistono percorsi poderali che devono mantenere la loro funzione di servizio agricolo, escludendo la loro trasformazione in strade urbane, che ne distruggerebbero l’ecosistema e costituirebbero la base per nuove speculazioni edilizie.

Il territorio di Casal del Marmo è stato confermato dall’attuale piano regolatore a destinazione agricola, i suoi circa 400 ettari possono sostenere sia un’attività agricola di qualità alimentare, occupazionale e ambientale di notevole pregio, sia il ruolo di secondo grande polmone verde, oltre alla Insugherata, nel quadrante Nord Ovest di Roma.

I luoghi naturali sono un elemento essenziale del disegno della città e i cittadini devono proteggerli da insensate operazioni di cementificazione e di realizzazione di strade. In essi sono presenti piante ed animali generati dalle linee evolutive e con specifiche biodiversità che vanno rispettate e accompagnate valorizzando colture agricole di pregio economiche secondo il ”codice delle buone pratiche agricole”.

Nella fascia di terreno confinante con via di Casal del Marmo, che il piano regolatore ha destinato a servizi di pubblica utilità, verranno proposte strutture innovative da realizzare, nel rispetto del disegno agro-urbanistico del nuovo PRG, come luoghi culturali, ludici, sociali, naturalistici e scientifici per favorire la fruizione del parco da parte degli utenti di ogni età, integrandoli con il tessuto urbano limitrofo ( delibera del Consiglio Comunale n 106 12.4.2006 Piano Particolareggiato Palmarola- Selva Nera ).

In tale contesto di difesa, di valorizzazione e di accessibilità del Parco è importante portare a soluzione la questione della mobilità e viabilità del quadrante di Roma Nord in un quadro generale di integrazione al sistema di trasporto pubblico.

Il COORDINAMENTO per il PARCO AGRICOLO CASAL del MARMO è nato attraverso la mobilitazione di singoli cittadini e la nascita di una rete aperta di associazioni, comitati di quartiere, organizzazioni politiche sindacali e sociali dei territori limitrofi al parco per definire un lavoro comune orientato alla difesa , alla tutela e alla valorizzazione di questa area.

Il COORDINAMENTO ogni anno organizzerà una “ Festa della PrimaVera “ con una passeggiata nel parco per riconoscersi insieme alla cittadinanza nei principi ispiratori della seguente Carta dei diritti.

LA CARTA DEL PARCO AGRICOLO CASAL DEL MARMO

1. Tutela e valorizzazione del patrimonio naturalistico, ambientale e paesaggistico. L’art. 9 comma 2 della Costituzione della Repubblica Italiana “tutela il paesaggio e il patrimonio storico ed artistico della nazione”.

2. Salvaguardia dell’unità del Parco Agricolo da speculazioni edilizie e costruzione di arterie stradali. Sostegno di un modello condiviso col territorio che coniughi l’esigenza di sviluppo con la tutela e la valorizzazione del paesaggio, al fine di evitare una speculazione selvaggia.

3. Recupero e riqualificazione di edifici esistenti e abbandonati, recupero dei beni di interesse archeologico e monumentale. Valorizzazione delle costruzioni, dei monumenti e dei siti, di incontestabile valore storico, architettonico e archeologico, presenti nel parco stesso, a norma dell’art. 9 comma 2 della Costituzione della Repubblica Italiana.

4. Promozione di attività agricole e tipiche del Parco Agricolo. Sviluppo ed incentivazione di produzioni agricole biosostenibili, sperimentazione di produzione orticoltura urbana collettiva e di allevamenti zootecnici sostenibili.

5. Fruibilità pubblica del Parco da parte dei cittadini. Realizzazione di itinerari naturalistici ciclopedonali, attraverso l’utilizzo degli attuali percorsi interpoderali e individuazione delle porte di accesso del parco e delle aree di sosta.

6. Riqualificazione ambientale delle acque e del sistema idrografico. Attuazione di interventi di bonifica e di preservazione del sistema esistente delle acque.

7. Promozione dei principi di sostenibilità ambientale e diffusione dell’uso delle energie rinnovabili. Diffusione delle “buone pratiche” del riuso, della raccolta differenziata e delle energie rinnovabili (mini eolico, biomasse, solare, termico e fotovoltaico), in linea con le attuali direttive dell’UE.

8. Promozione di attività di educazione ambientale, agricola ed alimentare. Attuazione di corsi di formazione sul lavoro agricolo e di attività volte alla conoscenza della cultura agronomica, botanica e faunistica. Promozione di attività di osservazione della flora, della fauna locale e di osservazione astronomica della volta celeste.

IL COORDINAMENTO PER IL PARCO AGRICOLO CASAL DEL MARMO