Vendita depositi ATAC: Lettera al Sindaco Alemanno

Oggi vi scriviamo di una battaglia che riguarda l’ area dell’ex deposito ATAC di piazza Bainsizza (municipio xvii), che si cederà a costruttori privati e subirà una massiccia edificazione.

Contro questa scelta (non ancora definitiva) si è attivato uno storico blogger romano, Matteo Barboni che col suo Delle Vittorie Blog  è sempre stato (per chi scrive) una fonte inesauribile di idee innovative (ultima arrivata ma non da ieri, la web tv che noi, timidamente, cerchiamo d’introdurre in alcune occasioni).

Tra pochi giorni sarà discusso in Comune un “Accordo di programma” tra i vari enti coinvolti, per decidere se l’ area dell’ex deposito ATAC di piazza Bainsizza si cederà a costruttori privati. Tutto questo per risolvere i disastrosi problemi economici in cui versa il  ATAC. In verità la dismissione dei depositi ATAC per risanare il bilancio parte da lontano. Matteo ci chiede di scrivere al Sindaco per ricordargli di mantenere gli impegni, di rispettare il patto con gli elettori.

Il quartiere Delle Vittorie rischia di essere invaso da altre abitazioni, uffici, negozi, ulteriore traffico, inquinamento, ecc.ecc, oppure si terrà conto (e in quanta parte) delle legittime richieste dei residenti, riassunte chiaramente dal Comitato di quartiere Delle Vittorie e dal Coordinamento Cittadino Progetto Partecipato.

A tal fine, per contrastare questa decisione, si è elaborata, una email da recapitare al Sindaco Gianni Alemanno, in cui si chiede, molto semplicemente, il rispetto di quanto ebbe a promettere alla nostra comunità, in occasione di un incontro in Municipio XVII, avvenuto a novembre 2007, documentato qui, e in cui promette l’esatto opposto di quanto si sta proponendo, nel Comune da lui governato, in questi giorni.

L’ email, oltre a presentare richieste specifiche, chiede, sostanzialmente, che un rappresentante cittadino, una volta eletto, rispetti il patto con gli elettori.

Essendo pertanto un argomento assolutamente condivisibile, indipendentemente da se, e come si è schierati, mi permetto di chiedere cortesemente, non soltanto a tutti i residenti del Municipio XVII, ma “ a chiunque” di rafforzare questa legittima richiesta, usando pochi secondi del prezioso tempo che si ha a disposizione, per inviare l’ email che trovate qui.

Basta copiare il testo scritto in blu, qui di seguito, e incollarlo in una nuova email. L’indirizzo a cui spedirla è: ld.gabinetto@comune.roma.it (se poi volete, aggiungete anche questo indirizzo cc.progettopartecipato@gmail.com così, in caso di riposta, arriverà anche a noi.

Un grandissimo ringraziamento a chi lo farà

Saluti

———————————————————————————–

Sig. Sindaco

Come Cittadino sono venuto a conoscenza del fatto che presto avverrà la valorizzazione dell’Area dell’ex rimessa ATAC-Vittoria (come di altri ex depositi ATAC a Roma).

Sono molto preoccupato per l’uso che si farà di quell’area da lunghi anni abbandonata a se stessa, preoccupazione, per altro condivisa anche da Lei che, a novembre del 2007 e durante un confronto in Municipio XVII, avvenuto con l’allora Assessore Morassut che sponsorizzava una massiccia edificazione, ebbe esattamente a dire:

“Questa battaglia per l’area dell’ex deposito ha valore generale per tutta la città. Questo quartiere è tra quelli che hanno già una delle maggiori densità abitative a Roma. Vogliamo bloccare questa operazione, partiamo da questo Municipio ma faremo altrettanto ovunque si presenteranno situazioni del genere. In questo quartiere servono servizi per i cittadini: biblioteche, piscine, parcheggi, ambulatori, non nuova edilizia residenziale. Non si può giustificare con la scusa del dissesto finanziario di ATAC la volontà di fare una speculazione edilizia. I debiti di ATAC vanno ripianati con un’operazione di bilancio comunale”.

COME CITTADINO QUINDI CHIEDO:

• Che Lei, come Sindaco e primo cittadino di Roma, mantenga le Sue promesse fatte in quell’occasione di fronte a cittadini ed elettori;

• L’utilizzo di quell’area per il bene comune dei cittadini, per il verde pubblico e per servizi sociali e culturali;

• La garanzia che l’area dell’ex-deposito ATAC “Vittoria” non venga venduta e affidata agli interessi privati e speculativi;

• Che si apra un confronto pubblico e trasparente con i Cittadini sulla soluzione del problema.

Nome e Cognome di chi la invia