Tanti Auguri Picchio !

Oggi Il Picchio di Torresina compie 4 anni. Tanti Auguri da Urban Blog Torresina!!! Vi proponiamo l’articolo scritto dal suo Direttore Responsabile, Jean-Luc Giorda, sul numero in uscita in queste ore.

Quattro, per cominciare… (di Jean-Luc Giorda)

Che ne dite, sono volati questi quattro anni? Quattro?

Sì, tanti ne sono passati da quando il Picchio di Torresina si è presentato ai suoi lettori.
Timido e pieno di speranze, con la consapevolezza di una scommessa azzardata, in un quartiere che non era quello che è diventato adesso. Per merito di chi lo abita, soprattutto, di chi lo vive ogni giorno. Un poco anche per merito del Picchio. Che non vuol dire, senza voler fare i modesti per forza: merito nostro.
No, intendo che il Picchio è stato in questi anni una specie di specchio della comunità, ne ha registrato la crescita, ha raccontato le nostre storie e i nostri dubbi, festeggiato le nascite di ogni cosa nuova nel quartiere, bimbi o servizi, ha protestato per quel che non c’era e ci doveva essere, ha tenuto a battesimo nuove idee e, ancora senza modestia ma con umiltà, ha tenuto i riflettori accesi sulla politica e sull’amministrazione, cittadina e municipale.

Noi abbiamo cercato di fare, in breve, quel che dovrebbero fare tutti i giornali.
Raccontare quel che succede, raccogliere i suggerimenti e i bisogni delle persone, le risposte dei politici, e poi in qualche modo andare a cercare la verità. Già, una cosa banale che ci stiamo dimenticando. Avete fatto caso? Viviamo nell’era del “contraddittorio”:
l’importante è che si dia conto sempre e comunque di due opinioni contrapposte. Mettendosi in pace la coscienza. E senza stabilire mai se una delle due parti dice la verità, o mente. Basta dare spazio a tutti. Così, spettatori e lettori non sanno mai come s tanno le cose. I giornalisti, che dovrebbero scoprirlo per loro, s i as te ngo no t ar tu fe s came nte .

Al Picchio non lo abbiamo mai fatto, e non lo faremo. Se gli asini non volano, e qualcuno vi dice che invece lo fanno, cerchiamo di avvertirvi. Sarà poco, ma serve anche questo. Ma questo è solo quel che abbiamo fatto noi.

Il resto lo avete fatto e continuate a farlo voi, non solo leggendo i l Picchio ma vivendolo come parte integrante del panorama di Torresina. Usandolo come uno s t rumento per sapere, di scutere, chiedere. Mandando mail o articoli, segnalando quel che succede, partecipando quando si lancia un’iniziativa, seguendoci anche su Internet.

Siete voi lettori che fate vivo il Picchio, e non lo dico per lisciarvi il pelo…!
Quattro anni sono tanti e sono pochi. Molto c’è da fare e moltissimo ci viene voglia di immaginare, come del resto a voi. Perché un giornale, e una comuni tà, muoiono quando smet tono di sognare, e noi non abbiamo voglia di morire.

Tra un anno, taglieremo il traguardo del primo lustro: cominciamo a pensare insieme a come festeggiarlo? Mi resta da dire qualcosa, ho ringraziato Voi lettori, ma devo ringraziare tanto la “vostra” redazione:
avete visto quanto il Picchio sia più bello, più piacevole, più ricco, ogni numero che passa? È merito di persone meravigliose che amano questo giornale come un figlio: Roberto, lo cito per primo per ringraziarlo del lungo e grande lavoro sulla grafica e sull’impaginazione, e poi Stefania, Cinzia, Marcella, Aurelia, Daniela Antonio (ne abbiamo due!), Antonella, Andrea, Pierfederico e Luigi.
Senza molti di loro il giornale non sarebbe mai nato, senza tutti loro non potrebbe continuare. Io gli sono grato. Spero lo siate anche voi. Un abbraccio a tutti.