Sabato 10 dicembre DECORO DAY a TORRESINA

La mattina di sabato 10 dicembre ci sarà il DECORO DAY a TORRESINA. I residenti del quartiere e il Centro Commerciale, con l’aiuto della squadra del DECORO URBANO del Comune di Roma, lavoreranno per rimuovere gli elementi di degrado. Un analogo intervento era già avvenuto sabato 24 settembre, con grande soddisfazione da parte degli abitanti della zona. Erano state rimosse le scritte sui muri anche a piazza Pallotta ma l’incantesimo è durato poche ore, poichè i writers erano tornati in azione il giorno stesso (occhio ragazzi che non è divertente; le vostre azioni d’imbrattamento rappresentano per la collettività sia un costo economico che un fattore di degrado di cui sarete chiamati a rispondere voi ed i vostri genitori(se minorenni)).

La pulizia della città e la raccolta differenziata sono possibili con la collaborazione dei romani. Per coloro che non rispettano il decoro cittadino la normativa prevede sanzioni con importi stabiliti sulla base del tipo di violazione. Per le attività di monitoraggio e vigilanza ambientale Ama ha aumentato il numero degli agenti accertatori con il compito, in particolare, di evitare l’errato inserimento dei rifiuti nei cassonetti. A questi si aggiunge un gruppo di agenti del nucleo Decoro Urbano. La task force viene affiancata dagli agenti della Polizia Municipale e di tutte le altre Forze dell’Ordine.

Ma quanto costa sporcare Roma?

Disposizioni sull’affissione, distibuzione ed esposizione di manifestini e simili

Ordinanza del Sindaco di Roma n.37 del 3 febbraio 2010 e successiva proroga

  • Multa da 412 euro per i committenti della pubblicità.
  • Multa da 50 euro per gli autori materiali della violazione.
Disposizioni per contrastare atti vandalici di danneggiamento e/o di imbrattamento del patrimonio pubblico e della proprietà privata

Ordinanza del Sindaco di Roma n.38 del 3 febbraio 2010 e successiva proroga

  • Multa da 500 euro per violazione del divieto su monumenti, fontane, reperti archeologici ed i relativi parapetti, beni di intresse storico-artistico, luoghi di culto. (art. 19 Regolamento di Polizia Urbana)
  • Multa da 300 euro per violazione del divieto su edifici pubblici e privati; oggetti dell’arredo urbano (cartellonistica e segnaletica stradale, panchine, cestini porta-rifiuti, fioriere, cancellate, inferriate ecc.); mezzi di pubblico trasporto; vetrine e serande di esercizi commerciali; qualunque manufatto ad essi pertinente. (art. 19 Regolamento di Polizia Urbana)