Fai un regalo all’ambiente

Fai un regalo all’ambiente

Porta il tuo albero di Natale presso i punti di raccolta dedicati. Ama e Corpo Forestale dello Stato lo restituiranno alla natura

Albero naturale o sintetico?

Molti pensano che scegliere un albero sintetico sia un gesto “ecosostenibile” senza tener conto che per la diversità di materiali con cui si realizzano gli alberi sintetici questi non possono essere differenziati e quindi avviati a riciclo, ma inevitabilmente finiscono in discarica. Anche la scelta dell’Albero di Natale può diventare occasione per fare un regalo all’ambiente. È questo l’obiettivo della campagna realizzata da AMA incollaborazione con l’Assessorato all’Ambiente di Roma Capitale, il Corpo Forestale dello Stato e TGR Lazio, giunta con successo alla settima edizione grazie alla collaborazione dei romani.

Dopo il Natale fai un regalo all’ambiente. Restituisci il tuo albero alla natura.

Terminato il periodo natalizio, gli alberi con radici possono essere posizionati all’esterno su balconi e terrazzi o essere ripiantati in giardino. Sono piante che crescono fino a 15-20 metri e le loro possibilità di sopravvivenza sono legate, oltre che alle condizioni vegetative della pianta, anche a quelle climatiche che devono essere appropriate alla specie. Alle nostre latitudini gli abeti sono, infatti, piante tipicamente montane: piantarli nel giardino di casa o sul terrazzo potrebbe quindi provocare un’inutile sofferenza a queste piante già stressate dal caldo, dagli addobbi e dalla mancanza di luce. In particolare l’abete rosso, che è la specie maggiormente usata come Albero di Natale, deve essere utilizzato in modo corretto, quindi non per il rimboschimento, ma come pianta da giardino. È, infatti, un albero spontaneo che, nel nostro Paese, vegeta solo sull’arco alpino ed in alcune “isole” dell’Appennino tosco-emiliano. Introdurlo al di fuori di queste zone significherebbe pertanto creare problemi di inquinamento genetico. Chi non ha la possibilità di ripiantare il proprio Albero di Natale, può approfittare della Raccolta Straordinaria organizzata da AMA in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente di Roma Capitale, il Corpo Forestale dello Stato e TGR Lazio.

Dal 7 al 19 Gennaio 2013 consegna il tuo Albero di Natale presso

Consulta la sezione I servizi del tuo Quartiere e digita la tua strada per visualizzare il Centro di Raccolta o il Punto Mobile di Raccolta più vicino a te e gli orari di apertura.

Per non danneggiare ulteriormente la pianta e per facilitarne il trasporto si consiglia di introdurla in un sacco di plastica evitando di frantumare la zolla che riveste le radici.

Scarica la guida

AMA e Corpo Forestale dello Stato restituiranno alla natura tutti gli alberi raccolti presso i punti dedicati, in buono stato vegetativo e con sufficienti speranze di sopravvivenza. Verranno trasportati dal Corpo Forestale dello Stato presso la sede dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Roma di Arcinazzo Romano dove saranno piantati in pieno campo per essere destinati, successivamente, ad iniziative di educazione ambientale.

Gli alberi che non potranno essere rimpiantati saranno avviati al compostaggio presso l’impianto AMA di Maccarese per essere trasformati in Compost: un fertilizzante naturale di alta qualità utilizzato anche in agricoltura biologica.

IMPORTANTE: è vietato abbandonare e/o depositare gli Alberi di Natale su suolo pubblico o nei cassonetti stradali. In caso di violazione sono previste sanzioni fino a 500,00 Euro. Anche gli alberi sintetici vanno consegnati presso i Centri di Raccolta AMA o presso i punti mobili di raccolta gratuita Ricicla Casa.
(Fonte AMAROMA)