Le Querce (nel fango) di Torresina

Le Querce (nel fango) di Torresina

“Nel complesso residenziale Le querce di Torresina disponiamo di varie tipologie di appartamenti da arredare su diversi piani : bilocale : ingresso, soggiorno, cucina, camera… “. Chi cerca casa in zona si sarà imbattuto in qualche annuncio immobiliare di questo tipo, dove tutto sembra bello e curato…

In verità, chi va in affitto presso “Le querce di Torresina” si deve trovare a fare i conti con una realtà un po meno residenziale e molto emergenziale. Come definire infatti un luogo raggiungibile solo attraverso una strada buia e piena di fango?

Per chi non è dotato di mezzo proprio, abitare da quelle parti è molto difficile ed anche se i prezzi calmierati dell’affitto invitano a farlo, la realtà si scontra con una zona di cantiere buia e fangosa, lontana dai servizi minimi, compresi i cassonetti della spazzatura e la fermata dell’autobus.

A proposito di trasporto pubblico, non avendo una strada pubblica di accesso, per ora si ferma su via Torresina, a circa un chilometro dalle case… Anzi, ancora più lontano, non essendoci al momento fermate intermedie; il Comitato di quartiere Torresina ha già chiesto l’installazione di una fermata d’autobus il più vicino possibile alle nuove case ed il Municipio si è reso subito disponibile ad intervenire.

Ma la responsabilità, almeno quella diretta, non è delle istituzioni pubbliche, perché la zona attualmente è privata; il “pubblico” sta cercando di andare incontro ai residenti, avvicinando i cassonetti nel punto stradale pubblico più vicino a loro ed avendo dato piena disponibilità all’installazione della fermata d’autobus, ove possibile. Una responsabilità “indiretta” invece c’è, perché il Comune di Roma non dovrebbe concedere l’abitabilità se non vengono rispettate delle condizioni minime di accesso e sicurezza da parte dei privati che costruiscono.

Dovrebbe essere il privato, proprietario dell’area, a garantire le minime condizioni di sicurezza, come una strada accessibile (se non asfaltata, almeno col brecciolino) ed illuminata; è giusto che i potenziali residenti lo sappiano e quelli attuali alzino la voce (anche attraverso il Comitato Inquilini). Anche noi faremo la nostra parte, continuando a riportare i vostri disagi e le eventuali precisazioni che dovessero arrivare dalla proprietà.