Tal Ya, a Torresina i raccoglitori di rugiada
Acquistato col Contributo della banca di Credito Cooperativo di Roma, agenzia Torresina

Tal Ya, a Torresina i raccoglitori di rugiada

Qual’è il momento migliore per sperimentare un sistema d’irrigazione basato sulla rugiada? L’estate più calda degli ultimi 136 anni!

E’ quanto si sono detti i Volontari del comitato Torresina (Municipio XIV di Roma), che hanno deciso di sperimentare nel Parco pubblico del quartiere un sistema di irrigazione a base di rugiada. Nell’area verde un sistema d’irrigazione già c’è ed è anche un ottimo esempio di raccolta e riutilizzo dell’acqua di scarico della fontanella presente nel Parco stesso, ma ci sono alberi che non vengono raggiunti dall’impianto, soprattutto gli alberi piantumati dai bambini durante la Festa dell’Albero dello scorso autunno.

A correre in loro soccorso ci ha pensato l’azienda istraeliana “Tal-Ya Water Technologies” (in ebraico il nome “Tal-Ya” significa “rugiada divina“; il gruppo di ricerca per la costituzione di Tal-Ya, fu fondato nel 2009).

Spendendo pochi euro a pianta, viene collocato sul terreno un vassoio seghettato quadrato fatto da un tipo di plastica speciale; il vassoio (che non è usa e getta), ha un foro centrale per far sì che la pianta si possa sviluppare. Il fatto che si possa riutilizzare, è dato dal fatto che viene costruito con plastica non-PET riciclata e riciclabile con filtri UV addizionati con calcare e ciò gli impedisce di degradarsi al sole o dopo l’applicazione degli antiparassitari o dei fertilizzanti.

Un sostegno di alluminio aiuta i vassoi ad adattarsi a possibili escursioni termiche fra la notte ed il giorno. Quando si manifesta una differenza per esempio di 12 gradi centigradi, questa umidifica entrambe le superfici del vassoio di Tal Ya che riversa così la rugiada e la condensazione con un imbuto direttamente alla pianta ed alle sue radici. Ma quanta acqua può catturare il vassoio? Questo dipende da vari fattori, primo fra tutti il livello di umidità dell’aria

L’accumulazione della rugiada inizia durante la notte ed arrivata a massa critica scende lungo i bordi seghettati dei vassoi, arrivando alla base dell’albero. Se piove, grazie al raccoglitore, 1 millimetro di pioggia può  uguagliarne 27. Con l’uso del sistema Tal-Ya, è possibile ottenere un risparmio di acqua pari al 50%; i dati sono stati verificati attraverso dei test sul campo, realizzati in Israele per conto del Ministero dell’Agricoltura.

Nei prossimi giorni saranno posizionati altri raccoglitori all’interno del Parco con la speranza che la prova avrà successo. L’iniziativa ha beneficiato del contributo della Banca di Credito Cooperativo di Roma (agenzia di Torresina) che fu partner della Festa dell’Albero svolta a novembre del 2014.

(Tal-Ya, http://www.tal-ya.com/)

5 Sagra del Rigatone all'Amatriciana