Delibera 140, Barletta: no allo sgombero delle associazioni di Primavalle

Delibera 140, Barletta: no allo sgombero delle associazioni di Primavalle

Riceviamo e pubblichiamo il seguente Comunicato Stampa

casetta_Barletta

Roma, 21 aprile 2016

“Delibera 140, Barletta: no allo sgombero delle associazioni di Primavalle”

“Aderisco convintamente alla manifestazione del prossimo 27 aprile promossa dalle realtà associative di Primavalle, per esprimere la mia solidarietà e il mio sostegno ai tanti volontari e lavoratori che operano all’interno di questi centri culturali e sociali di Via Federico Borromeo”, dichiara in una nota stampa Valerio Barletta, Presidente del Municipio XIV.

“A seguito dell’avvio delle procedure contenute nella delibera 140 sul riordino del patrimonio immobiliare di Roma Capitale, storiche realtà associative, eccellenze nel settore artistico culturale del nostro territorio, si trovano oggi di fronte al rischio di dover interrompere bruscamente le proprie attività a seguito dell’invito, contenuto nella lettera del Commissario Tronca, a lasciare i locali nell’arco temporale di dieci giorni” prosegue Barletta.

“Da anni, con regolare contratto, le associazioni Cantieri dello Spettacolo, Antonio Cotogni, Teatro in Movimento, Energia per i diritti umani e la Comunità di Sant’Egidio, animano e stimolano la vita del quartiere, promuovendo eventi e attività che, senza di loro, non avrebbero mai visto luce nella periferia romana. Non possono essere messe sullo stesso piano queste realtà storiche, perle del territorio romano, con soggetti che hanno indebitamente occupato immobili del Comune, facendo esplodere il caso “affittopoli”. La legalità e la trasparenza premino chi ha sempre operato per la collettività e per l’arricchimento dell’offerta socioculturale romana”, afferma il minisindaco.

“Aderisco forte di un atto di Consiglio a prima firma PD approvato all’unanimità lo scorso 14 aprile con il quale è stato richiesto di sospendere immediatamente le procedure di sgombero e di rinviare ogni decisione al nuovo Consiglio Comunale  da eleggere il prossimo giugno”, conclude Barletta.