COMMISSIONE URBANISTICA CAPITOLINA. Aggiornamento sulle AFFRANCAZIONI

COMMISSIONE URBANISTICA CAPITOLINA. Aggiornamento sulle AFFRANCAZIONI

commissioneurbanistica_25112016_2
Alle ore 11.30 di venerdì 25 novembre 2016 si è riunita la Commissione Urbanistica Capitolina permanente, avendo all’ordine del giorno un aggiornamento sullo stato delle affrancazioni e delle trasformazioni del diritto di superficie in diritto di proprietà, per gli alloggi edificati nei PDZ ai sensi della L. 167/1962 e della L. 865/1971.
Ad oggi sono state completate 20 domande di affrancazione sulle 1745 presentate; allo stato attuale, in attesa di potenziamento degli organici, si riusciranno a lavorare dalle 5alle 20 domande a settimana.
La situazione sembra si stia sbloccando anche per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà, anche se l’avvocatura comunale, suo malgrado, conferma che non potrà avvenire trasformazione senza affrancazione, come espressamente indicato dalle sezioni riunite della CASSAZIONE.
Il Comitato di Quartiere Torresina, presente all’incontro, ha ringraziato per l’impegno la Commissione, ribadendo l’urgenza di un intervento della politica sulla situazione, che coinvolge nell’immediato le centinaia persone rimaste bloccate con pratiche di vendita già iniziate, ma nel futuro le persone che attendono risposte certe sono molte di più, tante quanti i 118 Piani di Zona realizzati dal Comune di Roma con legge 167, oltre 200mila alloggi per più di mezzo milione di cittadini romani che ci abitano.
commissioneurbanistica_25112016_0

COMMISSIONE URBANISTICA: AFFRANCAZIONI, AGGIORNAMENTO DELLO STATO ATTUALE DELL’ITER

Alla luce delle difficolta’ emerse, si riscontra che gli Uffici non riescono a procedere con tempestivita’ alla lavorazione delle pratiche, dando risposte certe ai cittadini coinvolti nella vicenda relativa a 118 piani di zona del I e II P.E.E.P.
Lo stesso ufficio Programmazione ed attuazione urbanistica ad Ottobre, valutando le esigenze dell’ufficio affrancazioni, ha richiesto un’implementazione dell’organico. Ad oggi sono in lavorazione prioritaria solo 60 domande di affrancazione su 1745 presentate, di cui solo 20 risultano completate.

La Commissione per questo :
– aveva gia’ deciso nelle passatate commissioni, di convocare regolare riunioni sul tema con cadenza quindicinale;
– aveva richiesto agli uffici , al fine di rendere tutto il procedimento amministrativo piu’ trasparente (come prescritto dalla Legge n.241 del 1990) , di pubblicare sul sito di Roma Capitale; lo stato avanzamento delle pratiche in lavorazione, con annessi numeri di protocollo; tutte le domande di graduatoria, con l’indicazione del corrispettivo di affrancazione e le tabelle dei Prezzi Massimi di Cessione degli alloggi, considerato che allo stato risultano presenti solo 14 Piani di zona su 118. Per ogni pratica pubblicare il relativo piano di zona di riferimento e il relativo coefficiente di affrancazione.
La Commissione ha chiesto inoltre agli uffici di inserire delle Fac tipo nel sito, delle domande
fatte dai cittadini con relative risposte.
( e’ possibile richiedere l’inserimento di ulteriori fac, inviando la formulazione della domanda conclusiva all’indirizzo mail donatella.iorio@comune.roma.it )

Ad oggi gli uffici stanno lavorando per presentare queste richieste, e dal 24.11.2016 i risultati sono visibili sul sito istituzionale.
La Commissione a sostegno degli uffici aveva richiesto un incremento del personale Affrancazioni.
Solo nell’ultimo anno il dipartimento ha ha subito una perdita di 35 persone. Ad oggi l’ufficio affrancazioni ha visto finalmente un incremento di 3 unita’ rispetto alle 6 richieste, e si avvia a riposizionare le altre tre unita’. Il dipartimento inoltre ha chiesto lo stanziamento di ulteriori ore di straordinario per l’ufficio e prevede l’affiancamente ,ad ore, delle 6 unita’ dell’ufficio Affrancazione da parte del personale di altri uffici del dipartimento. (Fonte Pagina Facebook Commissione Capitolina Urbanistica M5S)

Affrancazione dei prezzi massimi di cessione

Con la sentenza n. 18135 del 16 settembre 2015 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (delibera del Commissario Straordinario n. 33 del 17 dicembre 2015) sono state definite le modalità  per l’eliminazione dei vincoli relativi al prezzo massimo di cessione gravanti sugli alloggi realizzati in aree PEEP e contestualmente è stato approvato lo Schema di Convenzione integrativa per l’affrancazione di tali vincoli.

Successivamente con la delibera n.40 del 6 maggio 2016 del Commissario sono stati specificati i criteri  per la rimozione dei predetti vincoli e per la determinazione del valore venale delle aree.

Contestualmente sono stati determinati i valori venali delle aree relativamente ai 118 piani di zona insistenti sul territorio di Roma Capitale.

Con la Deliberazione  di Giunta n.13 del 5 agosto 2016 sono state approvate le linee guida per l’eliminazione dei vincoli del prezzo massimo di cessione nonché del canone di locazione definendo l’iter per l’espletamento delle varie fasi del procedimento amministrativo.
Data la complessità del procedimento i tempi per la sua istruttoria sono stati stabiliti pari a 180 giorni, fatti salvi eventuali interventi interruttivi e/o sospensivi dovuti a fattori esogeni.

Pertanto i proprietari degli immobili che vogliano venderli a prezzi di libero mercato (maggiori dei prezzi massimi di cessione) devono presentare apposita domanda all’Amministrazione capitolina, versare il corrispettivo per la rimozione del vincolo e sottoscrivere con Roma Capitale apposita convenzione integrativa.

Ai fini della presentazione dell’istanza per la rimozione del vincolo, devono comunque essere trascorsi cinque anni dalla data di primo trasferimento dell’immobile (quello cioè intervenuto tra concessionario/cessionario dell’area e socio/acquirente).

Il corrispettivo di affrancazione verrà calcolato dall’Amministrazione capitolina secondo le modalità descritte nelle deliberazioni sopra richiamate, nel rispetto dell’art.31, comma 48 della legge 448/98.

L’amministrazione ritiene ammissibili anche la definizione d’urgenza delle pratiche per comprovati motivi quali:
• prossimo rogito (a tal fine è necessario allegare il contratto preliminare di vendita  registrato e trascritto in data anteriore alla Deliberazione del Commissario Straordinario adottata con i poteri dell’Assemblea Capitolina n. 33/2015);
• divisione ereditaria (a tal fine è necessario allegare la documentazione conprovante).

(vai alla pagina del Comune dove è possibile scaricare i documenti e le delibere)

 

Trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà

Con la Legge 23 dicembre 1998, n. 448 contenente “Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo” (G.U. n. 302 del 29 dicembre 1998, s.o. 210/L), all’art. 31 è stata offerta, ai Comuni, la possibilità di cedere in proprietà le aree comprese nei Piani di E.E.P già concesse in diritto di superficie ex art. 35 della legge 865/71 e la possibilità di sostituire le convenzioni stipulate per la cessione della proprietà con i vincoli condizionanti il libero godimento degli immobili stessi, ai sensi dell’art. 35, Legge 865/71, con una nuova convenzione, di cui all’articolo 8, L. 10/77.

L’importo da corrispondere per l’acquisto dell’area viene calcolato in base ai valori di stima stabiliti in successive Delibere di Assemblea Capitolina, cui viene sottratto quanto già corrisposto, alla stipula della convenzione di assegnazione delle aree, per l’acquisizione del “diritto di superficie”, rivalutato secondo gli indici ISTAT.
Roma Capitale ha affidato a Risorse per Roma, società interamente partecipata dall’Amministrazione Capitolina, la gestione delle istanze dei cittadini che vogliono aderire alla trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà, per i seguenti 14 piani di zona:

• Acilia (PdZ 10V)
• Casal Boccone (PdZ C14)
• Casale del Castellaccio (PdZ D4)
• Casilino (PdZ 23)
• Dragoncello (PdZ 11V)
• Laurentino (PdZ 38)
• Palocco (PdZ 53)
• Serpentara II (PdZ 5)
• Spinaceto (PdZ 46)
• Tor De Cenci (PdZ 47 48)
• Torraccia (PdZ C1)
Torresina (PdZ B32)
• Torrevecchia II (PdZ 80)
• Val Melaina (PdZ 6)

(vai alla pagina del Comune dove è possibile scaricare i documenti e le delibere)