Monte Ciocci: arrivano gli spazzini babbo natale

Il Comitato Monte Ciocci ha organizzato una grande manifestazione per la mattina di DOMENICA 11 DICEMBRE. Armiati di pale, guanti e sacchi della spazzatura, si sono rimboccati le maniche ed hanno ripuliamo l’area sottostante la collina. Là dove dovrebbe esserci l’ingresso del Parco Urbano, oggi c’è una discarica abusiva.
I partecipanti erano vestiti da Babbo Natale; un esercito di Santa Claus con sacchi pieni di spazzatura anzichè di doni: il loro regalo per il Comune che non li vuole ascoltare.
Nella stessa mattinata è stata lanciata la sottoscrizione della petizione popolare per chiedere l’immediato completamento dei lavori e l’apertura del Parco Urbano di Monte Ciocci.

Il Parco, individuato quale estensione del Parco di Monte Mario, è tutelato da un Piano di Utilizzazione a verde (Decisione di Giunta n° 136 del 26.07.06 con i pareri favorevoli delle Commissioni Consiliari e dei Municipi XVII, XVIII e XIX).

Il Piano di Utilizzazione prevede il consolidamento e il recupero naturalistico- ambientale delle aree dei versanti, la realizzazione di aree attrezzate a carattere ludico e sportivo, la valorizzazione delle aree belvedere, il recupero funzionale delle preesistenze storiche (Batteria Bini), la riqualificazione di piazza Ammiraglio Bergamini e il potenziamento del sistema di accessibilità al Parco.

Il Parco Urbano si estenderà per circa 24 ettari, di cui quasi 5000 metri quadrati destinati a parco giochi, mentre i percorsi ciclo-pedonali si svilupperanno per cinque KM.

Il progetto definitivo approvato, finanziato con i fondi della legge per Roma Capitale (L. 396/90), prevedeva l’avvio dei lavori per la primavera estate del 2009 con la sistemazione della sommità del colle attualmente già in uso al Comune di Roma.

Erano previsti i seguenti interventi: la realizzazione dei belvedere, di un percorso pedonale panoramico, di un’area gioco bambini, di un’area cani, del parcheggio per i disabili e la riqualificazione di via Domizia Lucilla come strada – parco.

Non appena completate le complesse procedure di esproprio ed acquisizione delle aree attualmente non disponibili, si provvederà al completamento degli interventi previsti, inclusa la realizzazione della “Porta del Parco” da via Anastasio II. Gli altri accessi saranno da viale delle Medaglie d’Oro, via Domizia Lucilla e via Lucio Apuleio.

Un commento