Giornata Mondiale del Libro

Giornata Mondiale del Libro

Tanti auguri ai Libri. Sabato mattina li festeggiamo in modo speciale a Torresina, con un evento che annuncia una iniziativa importante di bookcrossing.

Per la Giornata Mondiale del Libro, il 23 aprile,   dalle 8 alle 20 le stazioni Cornelia (metro A) e Santa Maria del  Soccorso (metro B), si trasformano in luoghi di scambio gratuito di  libri. Il bookcrossing,  libero scambio di libri e quindi di idee,  arriva  così nella metro romana.

Si potrà lasciare un libro perché lo legga qualcun altro, invitando così a scoprire gli autori più amati, e, all’inverso, cogliere il suggerimenti di lettura altrui, prendendo un libro lasciato da un altro lettore sconosciuto. Tutto ciò avverrà in uno spazio deputato, quello antistante i tornelli di ingresso delle due stazioni, dove personale di Libra (associazione culturale che ha l’obiettivo di immettere l’arte e la cultura del libro nella quotidianità) e di Atac accoglierà tutte le persone che vorranno aderire all’iniziativa, prendendo un libro e, se vorranno, lasciandone un altro in cambio.

Negli stessi spazi andranno in scena performance di autori emergenti che leggeranno brani tratti dai loro libri e da quelli di altri scrittori celebri.     Alla fine della giornata, tutti i libri rimasti saranno raccolti e selezionati per categorie, per essere donati a case famiglia e istituti penitenziari, affinché le Pagine Viaggianti possano allietare altri percorsi.

E’ infatti  Pagine Viaggianti  il nome dell’iniziativa promossa dall’Associazione Culturale Libra 2.0, alla quale Atac, in collaborazione con Roma Capitale e Biblioteche di Roma, ha deciso di aderire in occasione della Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore.

Altri luoghi del bookcrossing a Roma: oltre che nelle stazioni Cornelia e Santa Maria del Soccorso, sarà possibile aderire all’iniziativa alla Biblioteca Vaccheria Nardi di via Grotte di Gregna 37 (Tiburtino), al Centro Culturale Gabriella Ferri, in via Galantara 7 (Pietralata), e alla Biblioteca Cornelia di via Cornelia 45.

(Fonte Atac)

La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, nota anche come Giornata del libro e delle rose, è un evento patrocinato dall’UNESCO per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la protezione della proprietà intellettuale attraverso il copyright. A partire dal 1996, viene organizzata ogni anno il 23 aprile con numerose manifestazioni in tutto il mondo.

Sulla base di una tradizione catalana, la 28a sessione della Conferenza Generale dell’UNESCO, riunita a Parigi, su proposta di 12 paesi fra cui Australia, Russia e Spagna, ha adottato la risoluzione 3.18 con la quale ha proclamato il 23 aprile di ogni anno “Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore” (28 C/Resolution 3.18 del 15 novembre 1995).[2] L’obiettivo della Giornata è quello di incoraggiare a scoprire il piacere della lettura e a valorizzare il contributo che gli autori danno al progresso sociale e culturale dell’umanità. Il 23 aprile è stato scelto in quanto è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre importanti scrittori: lo spagnolo Miguel de Cervantes (1547-1616), l’inglese William Shakespeare (1564-1616) e il peruviano Inca Garcilaso de la Vega (1539-1616). In realtà, Cervantes e Garcilaso de la Vega sono morti il 23 aprile secondo il calendario gregoriano mentre Shakespeare è morto il 23 aprile secondo il calendario giuliano, all’epoca ancora in vigore in Inghilterra, e quindi dieci giorni dopo. L’apparente corrispondenza delle date si è rivelata una fortunata coincidenza per l’UNESCO. Nello stesso giorno, oltre ad essere nato anche Shakespeare, sono nati il francese Maurice Druon (1918-2009), il russo Vladimir Nabokov (1899-1977), il colombiano Manuel Mejía Vallejo (1923-1998) e il premio nobel islandese Halldór Laxness (1902-1998) ed è morto il catalano Josep Pla (1897-1981).

La Giornata del libro viene festeggiata ogni anno in Catalogna. Vincent Clavel Andrés (1888-1967), scrittore ed editore valenziano stabilitosi a Barcellona, si fece promotore di una giornata del libro; il 6 febbraio 1926, il re Alfonso XIII promulgò un decreto reale che istituiva in tutta la Spagna la Giornata del libro spagnolo. Inizialmente la data prescelta fu il 7 ottobre, ritenuto giorno della nascita di Cervantes ma, dal 1931, la giornata fu spostata al 23 aprile. Peraltro, il 23 aprile è la festa di san Giorgio, patrono della Catalogna. Una tradizione di origine medioevale vuole che in questo giorno ogni uomo regali una rosa alla sua donna; ricollegandosi a questa tradizione, i librai della Catalogna usano regalare una rosa per ogni libro venduto il 23 aprile. (Wikipedia)